Home » Diritto Dell’Immigrazione » La cittadinanza italiana per residenza o naturalizzazione

La cittadinanza italiana per residenza o naturalizzazione

9 Feb 2024 - Diritto Dell’Immigrazione - Min Read 5 min
La cittadinanza italiana  per residenza o naturalizzazione

La naturalizzazione è un processo attraverso il quale uno straniero che vive in Italia può ottenere la cittadinanza italiana dopo aver risieduto regolarmente in Italia.

L’integrazione viene dimostrata attraverso un reddito e un alloggio stabili, un’adeguata conoscenza della lingua, e una fedina penale pulita.

Ottenere la cittadinanza italiana non è semplice, ma conoscendo le modalità per diventare cittadini italiani si può comprendere se si hanno i requisiti per fare richiesta.

Tra l’altro diventare cittadini italiani non pregiudica il mantenimento della propria cittadinanza d’origine, perché lo Stato italiano prevede anche la doppia cittadinanza.

Può capitare che si sia risiedenti in Italia da lungo periodo e che, contestualmente, si abbia contratto matrimonio o unione civile con un cittadino italiano, in quel caso le strade da percorrere sarebbero due, e andrebbe fatta una scelta verso la più conveniente: chiedere cittadinanza per matrimonio (o unione civile) oppure per residenza?

La scelta non sempre è ovvia, così come non sempre è perseguibile la via amministrativa ma diventa obbligatorio seguire la via giudiziale.

Parametri da rispettare per richiedere la cittadinanza italiana

I parametri da rispettare per richiedere la cittadinanza italiana per residenza o naturalizzazione riguardano:

  1. Residenza
  2. Reddito
  3. Conoscenza della lingua italiana
  4. Fedina penale pulita

Residenza

Ai fini della richiesta di cittadinanza italiana, si deve avere residenza legale e ininterrotta nel territorio, con annessa iscrizione all’anagrafe della popolazione residente, a seguito di ingresso e permanenza in Italia con regolare permesso di soggiorno.

Nel periodo di residenza necessario ai fini della presentazione della domanda di cittadinanza non devono esserci state interruzioni, dovute magari a periodi di residenza all’estero o di irreperibilità sul territorio italiano.

Nel caso di cancellazione dell’iscrizione anagrafica, l’effettiva residenza verrà conteggiata dal momento della nuova iscrizione, e non sarà possibile sommare i periodi di residenza in Italia se manca la continuità tra di essi.

La residenza legale non va confusa con il soggiorno regolare.

Possono richiedere la cittadinanza per residenza:

  • Il cittadino extracomunitario residente in Italia da almeno 10 anni;
  • Il cittadino dell’Unione Europea residente in Italia da almeno 4 anni;
  • Il cittadino apolide o rifugiato residente in Italia da almeno 5 anni dal riconoscimento dello status;
  • Il cittadino straniero maggiorenne nato in Italia ed ivi residente da almeno 3 anni (lo straniero nato in Italia e ivi residente fino al compimento del 18esimo anno di età, che non ha fatto domanda di cittadinanza entro il 19esimo anno di età, potrà in ogni caso fare istanza di cittadinanza italiana per residenza ma per concessione dello Stato e non per acquisto di diritto. A differenza della domanda presentata entro il 19esimo anno di età, è necessario che siano rispettati tutti i requisiti della domanda di cittadinanza per residenza);
  • Il cittadino straniero con genitori o ascendenti in linea retta di secondo grado che siano stati cittadini italiani per nascita, residente in Italia da almeno 3 anni;
  • Il cittadino straniero maggiorenne adottato da cittadino italiano, residente in Italia, in seguito all’adozione, da almeno 5 anni;
  • Il cittadino straniero maggiorenne che viene riconosciuto come figlio da un cittadino italiano (in questo caso si parla di “affiliazione”) prima dell’entrata in vigore della legge sull’adozione n. 184 del 4 maggio 1983, residente in Italia da almeno 7 anni.

Non è previsto il requisito della residenza per lo straniero che ha prestato servizio per almeno cinque anni, anche all’estero, alle dipendenze dello Stato italiano Si tratta in questo caso di una fattispecie a sé stante, ossia richiesta di “Cittadinanza italiana per servizio alle dipendenze dello Stato italiano”.

Reddito

I cittadini stranieri che presentano domanda di cittadinanza per residenza devono dimostrare di possedere un reddito, personale o familiare, tale da permettere loro una vita dignitosa in Italia.

Il reddito che viene preso in considerazione è quello relativo ai tre anni che precedono la presentazione della domanda di cittadinanza.

Per sapere se il proprio reddito è adeguato occorre valutarlo in base ai seguenti limiti annuali:

  • euro 8.263,31 per richiedenti senza persone a carico;
  • euro 11.362,05 per richiedenti con coniuge a carico, aumentabili di euro 516,00 per ogni ulteriore persona a carico.

Se nello stato di famiglia sono presenti più persone che producono reddito, ogni singolo reddito verrà sommato e contribuirà a raggiungere la soglia richiesta.

Conoscenza della lingua italiana

La concessione della cittadinanza italiana per residenza/naturalizzazione, in base alla legge n. 91 del 1992 “… è subordinata al possesso, da parte dell’interessato, di un’adeguata conoscenza della lingua italiana, non inferiore al livello B1 del Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER)”.

La conoscenza della lingua italiana può essere dimostrata con:

  • Un titolo di studio rilasciato da un Istituto di istruzione pubblico o paritario riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale come il Diploma di Scuola Secondaria di primo e secondo grado, Diploma di Laurea;
  • Una certificazione del livello linguistico L2/B1 del QCER rilasciata da un ente certificatore riconosciuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

Gli Enti certificatori sono:

  • Università per Stranieri di Perugia;
  • Università per stranieri di Siena;
  • Università di Roma Tre;
  • Società Dante Alighieri;
  • Il possesso di “accordo di integrazione” di cui all’art. 4 bis del T.U. di cui al D. Lgs. 286/98 (vanno indicati gli estremi);
  • Il permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo – UE o CE , di cui all’art. 9 del suddetto T.U. in corso di validità.

Non occorre la frequenza per accedere agli esami di conoscenza della lingua italiana, basta iscriversi e sostenerli.

I titoli rilasciati da un Ente Pubblico possono essere dichiarati tramite autocertificazione, quelli rilasciati da un istituto paritario o privato, dovranno essere allegati alla domanda tramite copia autenticata.

Non tutti i richiedenti cittadinanza tramite residenza però devono dimostrare la propria conoscenza della lingua italiana.

Fedina penale pulita

Il buon esito della richiesta di cittadinanza dipende anche dalla posizione giudiziaria del richiedente.

Una fedina penale pulita, sia in Italia che all’estero (dove il richiedente ha vissuto in precedenza) è un requisito importante.

I controlli partono dal compimento dei 14 anni del soggetto richiedente cittadinanza.

A prescindere dai documenti esibiti, verrà comunque effettuato un controllo dei precedenti del candidato, e le eventuali condanne penali gravi porterebbero a un respingimento della richiesta.

È consigliabile richiedere l’assistenza di professionisti legali, specializzati in diritto dell’immigrazione, per venire a capo dell’intricato processo che porta all’ottenimento della cittadinanza italiana per residenza/naturalizzazione.

Gli avvocati dello Studio legale Boccadutri possono assisterti in tutte le fasi della richiesta di cittadinanza, compresa la raccolta dei documenti necessari, la presentazione della domanda e la preparazione ad eventuali colloqui.

Per un’assistenza personalizzata e per verificare la tua idoneità alla richiesta di cittadinanza italiana, contatta il nostro Dipartimento di immigration.

Per approfondimenti:

Il passaporto italiano seconda forza mondiale

Ricorso per riconoscimento della cittadinanza iure sanguinis

Richiedi una consulenza adesso!

Compila il modulo per richiedere una consulenza legale. I nostri esperti valuteranno il tuo caso e ti suggeriranno la soluzione migliore.

Calogero Boccadutri

Calogero Boccadutri is the Managing Partner of Boccadutri International Law Firm. He has trial experience in Forex, Personal Injury and Administrative litigation.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.