La procura ad acquistare o vendere beni immobili

La procura ad acquistare o vendere beni immobili

La Procura

Si può ricorrere alla procura se non si può essere presenti al momento della stipula del contratto, affidando l’incarico di rappresentarci ad un’altra persona. In questo modo si possono rispettare i tempi e ci si può tutelare dagli imprevisti.
La procura è un atto formale unilaterale con il quale un soggetto, il rappresentato, attribuisce ad altro soggetto, il rappresentante, il potere di rappresentarlo.
Attraverso l’esibizione della procura colui che ha nominato il suo rappresentante rende noto che costui lo sostituirà nelle contrattazioni.

È estremamente utile ricorrere alla procura ad acquistare/vendere beni immobili, laddove sopraggiunga un impedimento per una delle parti, e non si vuol fare slittare a data da destinarsi la firma del contratto; ma è comoda anche se si vive in un paese straniero, o se per motivi di salute non si potrebbe comunque essere presenti.

La procura a vendere e ad acquistare beni immobili deve essere conferita per iscritto, tramite scrittura privata autenticata o atto pubblico, in caso contrario non può avere alcun effetto.

Solitamente la procura determina anche i limiti oltre i quali il rappresentante non può spingersi nelle trattative.
Se il rappresentante non si attiene ai limiti definiti in procura il rappresentato non è vincolato nei confronti dei terzi contraenti.
Le variazioni o la revoca della procura devono essere portate a conoscenza di tutti con tutti i mezzi opportuni.
In mancanza di comunicazione chiara la legge tutela la terza parte in causa (art. 1396 codice civile).
Il rappresentato, a meno che non si riesca a dimostrare che il terzo conosceva le mutate condizioni al momento della conclusione del contratto, resterà vincolato e potrà rivalersi solo sul rappresentante.

Procura generale

La procura viene definita generale quando il rappresentato affida al rappresentante la gestione di tutti i suoi affari, sia presenti che futuri. La sua efficacia cessa soltanto in presenza di una revoca.

La procura generale viene rilasciata per portare a termine una serie di atti giuridici, quindi è per lo più usata nelle società e nelle attività imprenditoriali con la nomina degli institori, figure professionali qualificate che, grazie alle proprie competenze gestionali, vengono investite dei poteri di rappresentanza.
Nel caso di compravendita immobiliare è consigliata piuttosto una procura speciale che limiti il raggio d’azione del rappresentante.

Procura speciale

La procura speciale per la compravendita immobiliare è un atto con cui si incarica un’altra persona ad agire in propria vece e rappresentanza per compiere tutti gli atti necessari alla realizzazione della vendita o dell’acquisto di un immobile.

La procura speciale si limita a conferire l’incarico per portare a termine un affare specifico, per cui cessa di avere efficacia nel momento in cui l’atto per il quale è stata redatta si conclude.

Al momento della stipula è consigliabile specificare dettagliatamente i poteri conferiti al rappresentante per evitare future contestazioni.

La procura speciale per vendita immobile deve essere fatta con atto scritto (scrittura privata autenticata o atto pubblico), per cui va autenticata da un notaio esibendo la fotocopia di un documento di identità e del codice fiscale.
In caso di cittadino extracomunitario servirà anche la fotocopia del permesso di soggiorno.

Se chi conferisce la procura è coniugato ed è in comunione dei beni, la procura deve essere sottoscritta dai due coniugi congiuntamente.

Se la procura speciale è finalizzata alla vendita di un immobile, è necessario produrre una copia dell’atto da cui risulta la proprietà.

Revoca o modifica della procura

La procura può essere modificata o revocata in qualsiasi momento, a meno che nell’atto non sia stato specificato che la procura è irrevocabile, ma facendolo lo si deve comunicare tempestivamente ai terzi interessati provvedendo alle registrazioni nei Pubblici Registri, in base al tipo di atto cui fa riferimento la procura stessa.
Per la revoca/modifica il rappresentato dovrà esibire davanti all’Ufficio Notarile una copia della procura produrre tutti i dati necessari al suo riconoscimento. 

Procura e cittadini residenti all’estero

La legge consente anche ai Consolati di poter conferire una procura per i cittadini italiani residenti all’estero.
È sufficiente che l’interessato (il rappresentato) si rechi presso il consolato italiano del paese in cui ha la residenza con un documento di identità.
In tal caso la procura speciale per vendita immobile dovrà essere redatta in italiano.
Se la procura è stata redatta nella lingua del paese di residenza dovrà rivolgersi ad un notaio pubblico di quel paese, per poi autenticarla presso un notaio italiano, cui va presentata anche la traduzione.

Gli avvocati dello Studio Legale Internazionale Boccadutri esperti in real estate potranno guidarvi al meglio nella scelta e nella stesura della procura più adatta ai vostri interessi.

Per entrare in contatto con un avvocato dello studio, contattateci qui.

La procura ad acquistare o vendere beni immobili ultima modifica: 2017-05-09T12:28:39+00:00 da Calogero Boccadutri

Related Posts

Leave A Reply